NEWS ED EVENTI

Alla presenza delle massime autorità Albanesi si è celebrata il 20 settembre la cerimonia d’inaugurazione della centrale idroelettrica di Banja, la prima dei due impianti che la società norvegese Statkraft prevede di costruire nella valle del fiume Devoll, a circa 70 km da Tirana.

 

La centrale ha una capacità installata di 73 megawatt ed una produzione di 174 Gwh (gigawattora), pari al 5 per cento del totale dell’energia generata in Albania. L’impianto di Banja ha una diga alta 80 metri, un bacino capace di contenere 391 miliardi di litri d’acqua che si estende su una superficie di 14 chilometri quadrati. Secondo la società norvegese, circa 2.000 operai hanno contribuito alla costruzione di quest’opera, considerata dal premier Edi Rama “di grande importanza per il sistema energetico albanese.”

I cittadini croati sono ritornati alle urne per eleggere i propri rappresentanti al Sabor domenica 11 settembre, a distanza di dieci mesi dalla precedente elezione e dopo la mozione di sfiducia presentata dal HDZ nei confronti del governo Oreskovic in giugno. Le elezioni hanno premiato il partito di centro-destra HDZ, che ha ottenuto il 36,27% del voti e 61 seggi nel nuovo Sabor. La figura moderata del nuovo leader Andrej Plenkovic è stata ben accolta dall’elettorato. Gli ex-alleati del HDZ, MOST, hanno ottenuto 13 seggi. La Coalizione del Popolo (Narodna Koalicija) di centro-sinistra ha invece ottenuto solo 54 seggi e il 33,82%, costringendo il leader ed ex primo ministro Zoran Milanovic ad annunciare il ritiro dalla politica. Le fruttuose trattative per un programma di governo tra HDZ e MOST si sono concluse il 7 ottobre; tre giorni dopo la Presidente Kolinda Grabar-Kitarovic ha dato l’incarico a Plenkovic per formare il nuovo governo.

Si sono aperti alle 15 i lavori del workshop “Business in Croazia, opportunità e testimonianze” che si è svolto il 28 giugno a Gorizia presso la sede di rappresentanza della Regione Friuli Venezia Giulia organizzato da ACCOA e AIK. L’evento, interamente dedicato al mercato croato ha visto la partecipazione di imprenditori e associazioni di categoria del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, oltre a rappresentanti delle istituzioni locali  (presente l’assessore del Comune di Gorizia alle attività produttive Arianna Bellan e il presidente della Camera di Commercio di Gorizia, Gianluca Madriz).

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo



Login Form

Registrati per essere sempre informato sulle novità e per iscriverti alla nostra newsletter!

Registrati