NEWS ED EVENTI

Al meeting londinese tra la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo ed i sei primi ministri dei Balcani Occidentali è emersa una delle criticità della regione, ossia la forte dipendenza dai combustibili fossili.

Benché vi siano passi in avanti nel campo delle energie rinnovabili, sembra complesso che i paesi coinvolti nella nuova Strategia per l’Allargamento dell’UE possano adempiere all’obiettivo del 20% del fabbisogno soddisfatto da fonti alternative, alla luce anche dei pochi investimenti nel settore.

A preoccupare maggiormente i rappresentanti della BERS, tuttavia, è l’affidamento al gas di origine russa, trasportato attraverso i gasdotti ucraini, particolare che, data l’instabile situazione geopolitica, rende impellente il completamento della Trans-Adriatic Pipeline (TAP) che approvvigionerà la regione con materia prima proveniente dall’Azerbaijan. I lavori, cominciati nel 2015, potrebbero essere ultimati nel 2020.

Serbia ed Albania hanno approvato l’unificazione dei certificati di accompagnamento dei prodotti vegetali e animali destinati ai mercati dei due paesi.

La misura, firmata dai Ministri dell’Agricoltura Niko Peleshi e Branislav Nedimovic, mira a facilitare la cooperazione economica bilaterale tra Serbia ed Albania, anche nell’ottica di un futuro ingresso nell’Unione Europea.

Il primo ministro della Bulgaria Boiko Borissov ha recentemente incontrato i suoi omologhi serbo e macedone, Ana Brnabic e Zoran Zaev, per discutere dello sviluppo di una rete di trasporti che integri Sofia, Skopje e Belgrado, e, più generalmente, l'intera regione balcanica.

Dal vertice è anche emersa la volontà del governo bulgaro di monitorare attentamente i lavori di costruzione della connessione su rotaia tra Sofia e Skopje, argomento anche dal meeting di novembre a Strumica tra Macedonia e Bulgaria.

L'ampiamento della rete di trasporti nei Balcani è vista come una priorità sulla strada dell'integrazione europea dell'area.

La Camera di Commercio Nazionale Croata, in collaborazione con la Camera di Commercio Regionale di Fiume, organizza per il 4 maggio 2018 la prima conferenza dal tema: “International Business Connections”, nella città di Abbazia. L’iniziativa è sostenuta anche dai Ministeri per gli Affari Esteri e dell’Economia dell'Industria e dell'Artigianato della Repubblica di Croazia, dall’Ufficio Centrale per i Croati all’estero, dall’Ufficio Centrale della Repubblica di Slovenia per gli Sloveni all’estero, dalla Camera di Commercio austro-croata, dalla Regione Litoraneo-Montana e dalla Camera di Commercio Tedesco-Croata per il Commercio e l'Industria.

L’evento si prefigge l’obiettivo di instaurare rapporti e connessioni commerciali tra la Croazia ed i suoi soggetti economici e gli istituti esteri nell’ottica di promuovere l’internazionalizzazione; inoltre la conferenza vuole incentivare la condivisione delle conoscenze professionali, delle "best practice" e fornire supporto alle imprese che necessitano di collegamenti nel mercato croato.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo



Login Form

Registrati per essere sempre informato sulle novità e per iscriverti alla nostra newsletter!

Registrati